blog in pausa

luglio 7, 2012

per mancanza di interesse (altrui)


Franco Fiorito sbrocca in commissione Ambiente – Regione Lazio

giugno 10, 2012

tratto da il fatto quotidiano

“Lazio, consigliere regionale Pdl all’attivista: “E vieni a rompere i coglioni a me? Ma vaffa.. –  Così il capogruppo Pdl in regione Lazio, Franco Fiorito quando, un attivista anti-discarica, all’ennesima richiesta al suon di ‘Chi è lei?’, si è presentato dicendo: “Io rappresento i cittadini”


Sos Convitto Regina Margherita

marzo 15, 2012

http://www.dirittoallasalute.com/index.php?page=news&op=readNews&title=SOS+CONVITTO+REGINA+MARGHERITA+DI+ANAGNI 

Anagni, 12 Marzo 2012.

COMUNICATO STAMPA

Con l’approvazione del piano di dimensionamento scolastico, la Regione Lazio, recependo le indicazioni dell’Amministrazione Provinciale di Frosinone, contro la legislazione vigente, ha disarticolato le scuole annesse al Convitto Nazionale “Regina Margherita” accorpando i due licei, il linguistico e le scienze umane, al liceo classico “Dante Alighieri”. Ricordiamo che già nel 2009 l’allora Istituto magistrale venne dimensionato e annesso al Convitto Regina Margherita. Dal 2009 la nuova istituzione sta sviluppando un progetto di valorizzazione del convitto per creare al suo interno una proposta organica, sistematica e lineare per realizzare un ottimale servizio all’educazione, all’ istruzione e alla formazione delle nuove generazioni, in un moderno campus che consenta agli allievi di vivere un’esperienza globale di costruzione della propria personalità. Inoltre con l’istituzione della Scuola media annessa al Convitto il progetto trovava una ulteriore motivazione. Si realizzava nel territorio di Anagni un’esperienza pilota , importante e significativa di continuità verticale, dalla scuola primaria alla secondaria di secondo grado. La decisione della Regione interrompe questo esperimento, dopo tre anni di lavoro che cominciava a dare i suoi primi frutti. Una decisione presa senza vere ragioni pedagogiche, che non dovrebbero mai mancare in un piano di razionalizzazione. Inoltre il timore è che staccando il Liceo dal Convitto si voglia operare uno smantellamento graduale e sistematico del Convitto stesso. Infatti autorizzando questa azione di depauperamento non solo si vanifica il lavoro fatto, ma si inizia un percorso che, togliendo altri servizi, porterà alla fine della storia del Convitto. Del resto l’esperienza della sanità insegna e la storia di Anagni di questi ultimi anni lo dimostra, che quando si comincia a smantellare non si ricostruisce più. Il Convitto ha segnato la storia di questo nostro territorio per oltre centoventi anni e molte generazioni hanno beneficiato dei suoi servizi, allora come oggi. A nostro avviso questa scelta improvvida della Provincia di Frosinone e della Regione Lazio rappresenta una ferita mortale all’esercizio pieno del diritto allo studio per tanti giovani studenti provenienti dal comprensorio, un colpo inferto ad un’istituzione prestigiosa e, di conseguenza a tutto il personale educativo e dei collaboratori che, da anni, prestano la loro opera con professionalità, passione e dedizione in favore dell’educazione e dell’assistenza di tanti nostri ragazzi.
Per questo le famiglie, gli studenti, i dipendenti dell’istituto, insieme ad associazioni, comitati, forze politiche e rappresentanti istituzionali, si sono riuniti lo scorso venerdì 9 marzo, presso l’aula magna dell’istituzione convittuale, per la costituzione del Comitato “SOS Convitto Regina Margherita”. Hanno aderito in rappresentanza delle rispettive categorie i docenti di ogni ordine e grado, il personale educativo ed Ata, i genitori degli alunni della scuola media e del liceo, rappresentanti di maggioranza e di opposizione del Consiglio comunale di Anagni, un Consigliere Provinciale e sette rappresentanti del Coordinamento per l’Ambiente di Anagni.
Il sodalizio si impegnerà in difesa del prestigioso Convitto Nazionale Regina Margherita di Anagni e, più in particolare, per promuovere un ricorso al TAR Lazio per chiedere l’annullamento della delibera regionale che accorpa i due licei annessi ad altri istituti scolastici.
Naturalmente il comitato ha bisogno anche dell’aiuto di tutti. Per questo verrà chiesto un sostegno economico per affrontare le spese legali e per finanziare la campagna informativa in difesa del Convitto. Chi vorrà potrà recarsi presso gli stand che verranno periodicamente allestiti per la raccolta fondi: verrà rilasciata una ricevuta intestata al nostro comitato; oppure potrà versare un proprio contributo sul conto corrente, appositamente aperto, intestato all’associazione “DAS – Diritto Alla Salute onlus” in essere presso la Banca di Credito Cooperativo di Roma ag. 2 Anagni, codice IBAN IT 05 A 08327 74291 000000000390 con la causale -SOS: Convitto Regina Margherita-

IL COMITATO “SOS CONVITTO REGINA MARGHERITA”

 


Presa Diretta su raitre, si parla della Videocon

marzo 14, 2012

dal minuto 5.5o circa

e


Come fare per smontare pezzo per pezzo l’ospedale civile di Anagni

marzo 8, 2012

comunicato stampa 8 marzo 2012 dal comitato salviamo l’ospedale di Anagni:

COME FARE PER SMONTARE PEZZO PER PEZZO L’OSPEDALE CIVILE DI ANAGNI.

Smontare l’Ospedale di Anagni non è difficile. Nell’indifferenza se non nella complicità delle istituzioni preposte alla tutela ci si può provare ormai quotidianamente. Basta presentarsi presso l’Ospedale dichiarando di avere l’ordine di prelevare un arredo, una suppellettile o un macchinario a nome del direttore e procedere al prelievo. E’ quanto è successo mercoledì 7 marzo 2012. Verso le ore 13.00 all’Ospedale di Anagni si sono presentati due tecnici (o presunti tali) in radiologia dichiarando, al personale di turno al reparto, di essere stati comandati a smontare l’apparecchio per fare le mammografie. Hanno fatto il gesto di mostrare una carta, ma dal taschino non è uscito neanche un kleenex. I dipendenti di radiologia hanno voluto approfondire chiedendo le ragioni del trasloco del macchinario che, hanno appreso, doveva essere spostato in altra struttura ospedaliera. A questo punto hanno chiesto ai due tecnici l’ordine scritto di prelievo del macchinario e i due hanno pensato bene di filarsela, essendone regolarmente sprovvisti.

continua su:

http://www.dirittoallasalute.com/index.php?page=news&op=readNews&title=COME+FARE+PER+SMONTARE+PEZZO+PER+PEZZO+L%92OSPEDALE+CIVILE+DI+ANAGNI

 

 


Anagni, cambia la ditta della raccolta differenziata?

febbraio 20, 2012

Secondo recenti notizie di stampa (http://www.anagni24.it/anagni-rifiuti-di-vizia-definitivamente-esclusa-dalla-gara-dappalto-per-il-nuovo-servizio-11441.html) il nuovo appalto passerebbe alla ditta Tradeco di Altamura.

Basta effettuare una breve ricerca in rete per scoprire che questa è stata in passato al centro di indagini giudiziarie:

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2011/06/17/altamura-traffico-di-rifiuti-mafia-mantovano.html
http://parlamento.openpolis.it/atto/documento/id/51550

Vedi anche:

Rassegna stampa di Retuvasa dedicata all’argomento

Il blog di Cosimo Forina

Articolo di Ciociaria Oggi con virgolettato dell’assessore Retarvi (il nome è riportato erroneamente come Pradeco):


Precedenza alle macchine

febbraio 20, 2012

Ecco come si presentava questa mattina la scalinata sotto il monumento.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Praticamente inagibile, si può passare solo camminando sui tronchi o cercando qualche varco tra i rami. Le strade e i parcheggi liberati con priorità massima; come al solito rispetto e sensibilità per chi si muove a piedi:  zero.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: